Questo sito utilizza i cookie per migliorare i servizi e l'esperienza degli utenti. Se decidi di continuare la navigazione significa che ne accetti il loro uso.Informativa privacy e cookie.
Sei qui :   Home » Storia della musica: Introduzione
Radio Pentagramma compie 10 anni!

Schede

Donazione

Se vuoi contribuire alla crescita di Radio Pentagramma

puoi effettuare una donazione di qualsiasi importo tramite carta di credito o PayPal: 

 

Extra
Ricerca
 
Chiudi

Introduzione

Nel corso dell' 800 Archeologi ed Antropologi studiando le origini dell'uomo ampliarono il loro interesse riguardo la nascita della musica.
Mentre le teorie sull’origine dell’uomo arrivavano tutte ad una stessa conclusione: la monogeneicita', le origini della musica sono influenzate,dalla civiltà e dallo stato sociale dei popoli.


Nell' 800 l'etnomusicologia e la musicologia comparata aiutarono ad arricchire il bagaglio conoscitivo. L'invenzione del registratore da parte di Edison diede un ulteriore ed importante impulso alla conoscenza attraverso lo studio approfondito di registrazioni. Si e' così appurato che anticamente il suono era considerato un fatto magico e in alcuni casi era anche motivo di paura; esempio il tuono. La musica era spesso legata alla danza. L espressione vocale era accompagnata dal battito delle mani e poi dal battito dei piedi sul terreno.
 

La musica non era usata come divertimento ma essendo considerata magica veniva impiegata nei riti propiziatori (battaglie- pioggia ecc...). Magico era considerato anche lo strumento che emetteva il suono.
 

Agli inizi del 900 attraverso uno studio degli strumenti dei popoli primitivi realizzato da Curt Sachs si è arrivati a suddividerli in base alla forma in:
* Idiofoni
* Membranofoni
* Aerofoni
* Cordofoni.

 

I piu' diffusi fra questi anche ,perchè ricavati da oggetti di uso comune, erano gli Idrofoni. Per "suonare" questi rudimentali strumenti venivano usate mani, piedi, mazze, battitoi oppure venivano agitati i vari tipi di sonagli ottenuti introducendo sassi o semi in frutti essiccati o ricavati dal guscio di una noce di cocco.
 

Membranofoni: Sono strumenti costituiti da pelli di animali tese sopra la cavita' di una zucca essiccata o una noce di cocco; successivamente venivano costruiti tamburi a 1 0 2 pelli tese su un recipiente d'argilla o su telai di legno.
 

Aerofoni: Lo strumento più semplice fra gli Aerofoni è il bastone sibilante, costituito da una tavola di legno fissata ad un laccio che fatta volteggiare nell'aria produceva dei sibili che variavano a seconda della velocità di rotazione.
I primi veri strumenti a fiato vennero ricavati da ossa di animali svuotati all'interno e forati lateralmente. In seguito abbiamo flauti in legno con imboccatura a tacco (tipo flauto dolce), flauti d'argilla e anche flauti a piu' canne (Siringa).

Poco diffusi nelle culture primitive erano i Cordofoni.
Un esempio lo troviamo nell' Arco terreste costituito da una corda tesa fra due estremità di un bastone elastico e per mezzo di una corteccia veniva suonato disteso su una buca oppure tenuto con una estremità in bocca.


Un altro esempio lo troviamo nel Salterio di canna costituito da una o più strisce sottili di corteccia staccata da una canna di bambù. Questo fu il primo rudimentale cordofono dal quale derivano tutti gli altri.


Data di creazione : 09.04.2009 - 16:58
Categoria : - Storia della Musica
Pagina letta 1008 volte

Translate
Pentagramma Magazine

Rivista culturale. Ogni lunedì una nuova uscita. 

C__fakepath_leggere-il-giornale-280571.png

Pentagramma Tv

Canale on demand di pellicole d'epoca.

PENTAGRAMMA_TV.JPG

Sondaggio
Come ascolti Radio Pentagramma?
Frase del giorno :  

La Radio

Una voce nel silenzio infinito.

Una luce che rischiara la notte.

Ed il mondo vicino si sente.

E' la radio che vive con noi.

-   Poesia di A.T. ©

 Radio Pentagramma © 2009 - 2019 | Tutti i diritti riservati. - Pentagramma Group 

Privacy Policy Cookie Policy